IU8HEP

Solar Terrestrial data

Meteo

Visitor Globe

Chi volesse provare un ricevitore sdr senza necessariamete doverlo acquistare o autocostruire, può liberamente utilizzare quelli che si definiscono web-sdr.

Il web sdr non è altro che un apparato ricevente, completo di antenna e di tutto il necessario a funzionare, che può essere normalmente utilizzato attraverso il semplice collegamento ad un sito web in modalità remota, da dove, nella maggior parte dei casi, è possibile spaziare per le varie gamme di frequenza su cui questo è predisposto, modificare il filtro della larghezza di banda o cambiare la modalità di ricezione.

Di questi ricevitori ne esistono diversi sparsi per il mondo, ed è interessante la possibilità di effettuare ascolti come se fossimo allocati in un altro continente.

Ad esempio dall'Italia, utilizzando un web sdr allocato negli Stati Uniti, abbiamo la possibilità di ascoltare le  bande radioamatoriali come se fossimo lì.

Oppure collegandoci ad un web sdr europeo, potremmo effettuare un paragone sui segnali in di come vengono ricevuti in quell'area rispetto a noi.

Insomma, di prove con i web sdr ne possiamo fare infinite, ora non sto quì ad elencarle.

Non me ne vogliano i più esperti se ho omesso qualcosa oppure ho reso troppo semplicistico il discorso, ma lo scopo di queste pagine è proprio quello di coinvolgere direttamente anche i lettori meno addentrati nella materia con discorsi molto semplici, con un linguaggio semplice ed immediato.

Chi volesse effettuare qualche prova di ascolto senza affaticarsi troppo nelle ricerche in internet, potrà utilizzare i link che a seguito riporto, gli indirizzi di due web sdr allocati in Olanda:

 

Il ricevitore che fa capo a questo link è multibanda (7bande):

http://websdr.ewi.utwente.nl:8901/

 

Invece questo è settato essenzialmente per l'ascolto delle VLF fino a 24 Khz, ma ha anche altri due spettri centrati rispettivamente sui 500 Khz e sui 145 Mhz (quest'ultimi probabilmente a carattere locale).

http://websdr.pa3weg.nl/